Contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti: l’arresto della Polizia Locale di un cittadino extracomunitario su cui pendeva un ordine di cattura

Nell’ambito dei servizi di presidio del territorio, finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, ieri sera gli agenti in borghese della Squadra di Polizia Giudiziaria hanno tratto in arresto un 42enne extracomunitario, pizzicato a Miramare mentre era impegnato in un’attività di spaccio.

Nell’ambito dei servizi di presidio del territorio, finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, ieri sera gli agenti in borghese della Squadra di Polizia Giudiziaria hanno tratto in arresto un 42enne extracomunitario, pizzicato a Miramare mentre era impegnato in un’attività di spaccio.

Già noto alle forze dell’ordine in quanto pluripregiudicato l’uomo non ha opposto resistenza e dalla perquisizione personale è emerso che nascondeva 10 grammi di hashish.  La sorpresa degli agenti, dopo il sequestro della droga,  è arrivata in un secondo momento, quando nel procedere ai rilievi dattiloscopici per la prescritta denuncia a piede libero, le verifiche d’ufficio e il controllo incrociato con il data base, hanno confermato che a suo carico pendeva un ordine di cattura emesso dal Procura della Repubblica di Bologna.  Ordinanza di carcerazione per 6 mesi di detenzione che gli agenti della Polizia Locale di Rimini hanno eseguito immediatamente, portando l’uomo prima nella camera di sicurezza e poi in un secondo momento presso la Casa Circondariale di Rimini, dov'è rimasto a disposizione della' Autorità Giudiziaria.

Il servizio poi si è svolto con diversi controlli di sicurezza pubblica sui viali delle regine in cui sono stati allontanati diverse batterie di pallinari che operavano in zona facendo il gioco truffa delle tre palline. Sono state 2 in tutto le persone - entrambe italiane - fermate e sanzionate con la multa di € 1000,  secondo quanto previsto dal Regolamento di Polizia Urbana.

Ultimo aggiornamento

29/07/2021, 17:51