Gli "obiettivi strategici" da perseguire attraverso le “società a controllo pubblico” (dir

Obiettivi strategici da perseguire attraverso gli organismi partecipati

 

Gli "obiettivi strategici" da perseguire attraverso le “società a controllo pubblico” (diretto e/o indiretto, anche congiunto), vengono assegnati annualmente, inserendoli nell'apposita "sezione operativa" del Documento Unico di Programmazione (DUP). Pertanto si distinguono le seguenti fasi:

  1. assegnazione degli "obiettivi strategici", definiti nel "Documento Unico di Programmazione" (vedi allegati in calce), approvato, generalmente, nel mese di luglio;
  2. recepimento degli obiettivi da parte delle società controllate, con inserimento nei rispettivi bilanci di previsione e relativo perseguimento. La rendicontazione dell'effettivo conseguimento o meno degli obiettivi è riportato nel bilancio d'esercizio (nella "relazione sulla gestione" o nella "nota integrativa") che le società approvano tra aprile e giugno dell'anno successivo;
  3. controllo (monitoraggio) degli obiettivi conseguiti dalla società (punto 2) da parte del Comune, la cui sintesi è inserita nel "documento di valutazione sulla performance" del Comune, approvato dalla Giunta comunale tra aprile e giugno dell'ano successivo a quello di riferimento.