Contributi economici a fondo perduto "no tax Area 2019 - 2021" finalità 2 "negozi aperti vetrine illuminate"

Contributi economici destinati a proprietari di immobili a destinazione commerciale.

Cos'è

La seconda finalità dell'intervento "No Tax Area 2019-2021" si prefigge tre obiettivi:

  1. sostenere gli esercizi commerciali nei settori maggiormente penalizzati dalla crescita della grande distribuzione e del commercio elettronico, attraverso una riduzione non momentanea dei costi per l'affitto dei locali;
  2. contribuire al contenimento dei canoni di affitto dei locali commerciali sul mercato;
  3. contrastare il fenomeno del degrado e della desertificazione commerciale favorendo la creazione di un ambiente commerciale più accogliente attraverso l'attivazione dei locali sfitti;

e si articola in due distinte configurazioni:

1. Rinegoziazione affitti, per immobili commerciali locati a imprese;

2. Riattivazione locali in disuso, per immobili commerciali attualmente non locati.

Consultare con attenzione le indicazioni dell'Avviso pubblico, sintetizzate nella pagina di riepilogo sulla No Tax Area 2019 - 2021

A chi si rivolge

Destinatari

Persone fisiche o collettive che hanno la proprietà di locali ad uso commerciale o produttivo, aperti al pubblico (no capannoni o simili) ubicati nel Comune di Rimini.

Chi può presentare

Per la configurazione n. 1: Rinegoziazione Affitti

Proprietari di immobili commerciali locati a imprese per gestione di esercizio di vicinato, rivendita o laboratorio artigiano aperto al pubblico, che hanno ridotto il canone almeno del 20% senza termini o condizioni.

Per la configurazione n. 2: Riattivazione locali in disuso

Proprietari di immobili commerciali non locati e concessi gratuitamente a organismi del terzo settore per almeno 10 giorni nell'anno.

Accedi al servizio

Come si fa

L’agevolazione No Tax Area segue una cadenza annuale: anche se l’Avviso pubblico è unico per tutto il triennio, ogni anno sono stanziate nuove risorse nel bilancio comunale, si apre e si chiude il “periodo di riferimento”, sono calcolati i contributi ed eseguite le liquidazioni.

Per questa ragione, anche la domanda di contributo deve essere presentata per ogni anno in cui gli interessati aspirano ad ottenere il contributo economico; oltre a comunicare gli estremi di identificazione e - importante! - i recapiti di contatto dei richiedenti, e le eventuali modifiche, la domanda servirà per attestare annualmente il perdurare dei requisiti previsti per il beneficio e l’ammontare delle spese sostenute nel periodo di riferimento che devono essere incluse nel calcolo.

La domanda deve essere preparata compilando e sottoscrivendo il modulo approvato, che può essere scaricato da questa stessa pagina. 

Cosa si ottiene
Contributo economico
Procedure collegate all'esito

L’ammontare del contributo è variabile in funzione dell’entità della riduzione del canone di affitto, della durata dell'affitto nel corso del periodo di riferimento (anno solare), oppure del numero di giorni di uso gratuito del locale.

Configurazione 1. Rinegoziazione affitti

Il contributo economico è pari (al massimo*):

  • al 50% dell'IMU versata nell'anno, se la riduzione del canone di locazione è almeno pari al 20% ed è inferiore al 30%;

  • al 100% dell'IMU versata nell'anno, se la riduzione del canone di locazione è almeno pari al 30%.

Configurazione 2. Riattivazione locali in disuso

Il contributo economico è pari (al massimo*):

  • al 30% dell'IMU versata, se nell'anno i giorni di concessione in uso gratuito del locale sono almeno 10 e meno di 30;

  • al 50% dell'IMU versata, se nell'anno i giorni di concessione in uso gratuito del locale sono almeno 30 e meno di 90;

  • al 100% dell'IMU versata, se nell'anno i giorni di concessione in uso gratuito del locale sono almeno 90.

* La precisazione è dovuta, perché se i contributi richiesti superano le risorse disponibili, la somma calcolata come sopra sarà ridotta in misura proporzionale.

Cosa serve

I proprietari di immobili a destinazione commerciale o produttiva ottengono un contributo economico se:

  • accordano alle imprese conduttrici (solo microimprese o piccole imprese, che gestiscono esercizi di vicinato, rivendite o laboratori artigiani aperti al pubblico) una riduzione del canone di affitto non inferiore al 20%;

  • oppure, stipulano un nuovo contratto di affitto, con una nuova impresa conduttrice (solo microimprese o piccole imprese, che gestiscono esercizi di vicinato, rivendite o laboratori artigiani aperti al pubblico), se non sono ancora passati tre anni dalla risoluzione della precedente locazione, e se il canone pattuito è inferiore a quello stabilito nel contratto anteriore di almeno il 20%;

  • o ancora, il loro immobile è sfitto e lo concedono in uso gratuito ad una o più organizzazioni del terzo settore, di natura non commerciale e stabilmente operanti nel territorio del Comune di Rimini, per almeno 10 giorni in un anno.

Nelle prime due ipotesi, l'immobile deve ospitare una attività di commercio al dettaglio di piccola dimensione (solo esercizi di vicinato, fino a 250 m2), una "rivendita" (giornali, tabacchi, ecc.), oppure una attività di servizi aperta al pubblico (parrucchiere, estetista, ecc.); inoltre, il negozio oppure l’impresa conduttrice devono esistere da almeno 5 anni.

Attenzione: la riduzione del canone non deve essere soggetta a termine o condizione. Non rientrano pertanto nell'agevolazione gli accordi tra proprietari e imprese conduttrici che prevedano riduzioni limitate ad un periodo di tempo, o automatismi che tendano a riportare il canone al livello originario al momento del rinnovo o della proroga del contratto.

Tempi e scadenze

Apertura domande No Tax Area 2021

Termine di presentazione Finalità 2

Il termine per la presentazione delle domande relative alla finalità 2 (Negozi Aperti Vetrine Illuminate) scade il 10 gennaio (prossima scadenza 10.01.2022)

Altri documenti

Domanda di contributo - Rinegoziazione Affitti
Domanda di contributo - Riattivazione locali in disuso
Allegato alla domanda di contributo per riattivazione locali in disuso - Dichiarazione di utilizzo del locale
Proprietari di immobili sfitti - Candidatura di locale da concedere in uso gratuito a organismi del terzo settore
Fase finale del procedimento. Deposito nota contabile e dati per la liquidazione

Ultimo aggiornamento

09/11/2021, 11:05