Iscrizione nido d'infanzia comunale

Per iscrivere un minore al nido d'infanzia comunale è necessario presentare domanda all'ufficio iscrizioni, nel periodo stabilito dal bando annuale

Tipologia del documento:

Accedi al servizio

La richiesta di iscrizione al nido comunale va presentata nei termini e nelle modalità specificate nel bando annuale.

Le domande di iscrizione ai nidi comunali per l'anno educativo 2021-2022 possono essere presentate dal 04/01/2021 al 12/02/2021 ad eccezione dei lattanti (bambini nati dal 01 gennaio 2021 al 30 giugno 2021) per i quali la domanda puo' essere presentata fino al  09 luglio 2021.

Le domande di iscrizione possono essere presentate secondo le seguenti modalità:

A) On line

Le famiglie per poter effettuare l’iscrizione on line devono preventivamente:

  • collegarsi e accreditarsi sul portale dei servizi educativi.
  • prendere visione di bando, criteri di accesso, termini del procedimento e posti disponibili nei diversi plessi

B) Presso l'Ufficio Iscrizioni

Chi fosse impossibilitato ad inserire la domanda on line può compilare la richiesta di iscrizione in formato cartaceo, e consegnarla, su appuntamento, all’ ufficio scuole e nidi d’infanzia, Via Ducale 7, 47921 Rimini

Per prenotare l’appuntamento, collegarsi al seguente link https://prenotazioni.comune.rimini.it

Tempi e scadenze

Data da inizio iscrizioni per il nido comunale 2021/2022

Chiusura iscrizioni nido comunale 2021/2022

Data pubblicazione graduatoria

Ulteriori informazioni

Ai nidi d'infanzia comunali possono accedere i bambini dai 3 ai 32 mesi:

  • residenti nel Comune di Rimini con almeno un genitore o tutore, esercente la potestà genitoriale, anch'esso residente insieme al bambino a Rimini
  • minori in affido/adozione a genitori residenti nel Comune di Rimini o presso Comunità, per i quali non è necessario il requisito della residenza
  • famiglie non residenti, purché almeno uno dei genitori svolga attività lavorativa esclusiva o principale nel Comune di Rimini. 

Costituisce requisito di accesso la regolarità rispetto all’obbligo vaccinale ai sensi del decreto legge 7 giugno 2017, n. 73, convertito con modificazioni dalla legge 31 luglio 2017, n. 119, recante “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale, di malattie infettive e di controversie relative alla somministrazione di farmaci”

Ultimo aggiornamento

04/05/2021, 12:39