Sono sussidi economici a carattere continuativo volti ad assicurare sufficienti condizioni di vita a

Linee guida per erogazione contributi/sussidi agli utenti anziani in carico ai servizi sociali del Comune di Rimini (Deliberazione di G.C. n. 64 del 25/03/2014)

Sono sussidi economici a carattere continuativo volti ad assicurare sufficienti condizioni di vita alle persone anziane ultrasessantacinquenni residenti da oltre tre anni consecutivi ovvero da almeno 5 anni non continuativi nel caso siano dimostrabili accessi in Strutture di accoglienza del territorio utilizzate in situazioni di emergenza.

DESTINATARI: anziani ultrasessantacinquenni prioritariamente soli e/o con famigliari che presentino gravi problematiche socio-economiche.

 

REQUISITI OGGETTIVI

  • consistenza del patrimonio mobiliare del nucleo NON superiore ad euro 4.000,00.
  • consistenza del patrimonio immobiliare del nucleo NON superiore ai seguenti limiti espressi in termine di rendita catastale rivalutata:

1. immobile ubicato nella provincia di Rimini                                               €          165,26

2. immobile ubicato fuori provincia di Rimini                                    €                      289,20

 

MODALITA'’ DI CALCOLO

Il sussidio mensile corrisponde alla differenza fra il reddito mensile realmente percepito dal nucleo del richiedente sottratto dell’'affitto considerato fino ad un massimo di euro 600,00 e l’'importo riferito al numero dei componenti indicato dalla tabella denominata “Scala di equivalenza Integrazione del Reddito”.

In particolari casi l’'Assistente Sociale in base alla valutazione complessiva della situazione, può proporre una riduzione dell’'importo derivante dal calcolo standard.

 

L'’Assistente Sociale può proporre un contributo aggiuntivo finalizzato:

  1. al pagamento di documentate spese condominiali e utenze domestiche fino ad un massimo di € 100,00 mensili
  2. una eventuale quota fino a €100,00 mensili per spese farmaceutiche di tipo continuativo della fascia a totale carico dell’'utente (attuale fascia “B e C”)

 

ALTRE DISPOSIZIONI

  • Alla formazione del reddito contribuiscono tutti i redditi percepiti dai componenti il nucleo familiare, considerati al netto delle ritenute fiscali compreso l’'assegno d’'accompagno o indennità analoghe.
  • Per reddito mensile si intende l’'importo della somma annua dai redditi percepiti al netto delle Ritenute fiscali, compresa la tredicesima, ripartito su 12 mensilità.
  • Per gli anziani privi di reddito, assistiti o meno da una persona convivente anch’'essa priva di reddito, il contributo non può superare l’'importo determinato dal 50% del minimo vitale previsto per due persone (vedi scala di equivalenza –Minimo vitale).

 

Scala di equivalenza – Integrazione al Reddito

Il minimo mensile Inps per l’anno 2014 è di euro 501,38.
L'’integrazione del reddito nella scala di equivalenza viene calcolato sulla base del minimo Inps rapportato a 13 mensilità e diviso per 12. (501,38x13:12=543,16*).

n. persone                         scala di equivalenza                      Importo                                                                                D.L. 109 del 31/03/98

            1                                                                                            €     543,16*

            2                                             x   1,57                                   €     852,76

            3                                             x   2,04                                   €  1.108,05

            4                                             x   2,46                                   €  1.336,17

            5                                             x   2,85                                   €  1.548,01

per ogni ulteriore componente  maggiorazione di 0,35

SUSSIDI AD INTEGRAZIONE DEL REDDITO

 

Rappresentano Contributi Economici continuativi ad integrazione delle spese sostenute per il pagamento della retta socio-assistenziale a carico degli anziani ospiti e loro familiari.

DESTINATARI: anziani ultrasessantacinquenni non autosufficienti o a rischio di non autosufficienza, residenti nel Comune di Rimini da oltre tre anni consecutivi ovvero da almeno 5 anni non continuativi nel caso siano dimostrabili accessi in Strutture di accoglienza del territorio utilizzate in situazioni di emergenza; ospiti in strutture CRA e Centri Diurni Accreditati,  CRA e Centri Diurno privati, Gruppo Appartamento.

 

REQUISITI OGGETTIVI

  • consistenza del patrimonio mobiliare del nucleo NON superiore ad euro 10.000,00
  • consistenza del patrimonio immobiliare del nucleo NON superiore ai seguenti limiti espressi in termine di rendita catastale rivalutata:

1. immobile ubicato nella provincia di Rimini                                    € 165,26;

2. immobile ubicato fuori provincia di Rimini                                    € 289,20;

Al nucleo suddetto si applicano le deroghe alla limitazione dei requisiti catastali in presenza di conviventi Anziani o Minori o portatori di Handicap al momento della richiesta;

  • donazioni effettuate dal beneficiario il contributo, di valore NON superiore ad € 10.000,00 avvenute entro i 5 anni dalla richiesta.

 

MODALITA’' DI CALCOLO

Recupero in tutto o in parte della retta sul reddito individuale dell’'anziano ospite comprese le indennità percepite a qualunque titolo, salvaguardando comunque all’'utente, il 25% del trattamento minino Inps di pensione per l’'invalidità, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti.

Per quanto riguarda il ricovero in Centri Diurni la somma che viene lasciata all'ospite è pari al 100% del trattamento Minimo Vitale.

L'’usufrutto fruttifero viene quantificato ai fini del computo della integrazione retta.

 

ALTRE DISPOSIZIONI

  • L’'inserimento dell’'anziano non autosufficiente in Strutture CRA e Centri Diurni Privati NON ACCREDITATI è da considerarsi provvisorio fino alla comunicazione del SAA (Servizio Assistenza Anziani di AUSL) della disponibilità presso una delle Strutture accreditate.
  • All'atto della presentazione della richiesta di inserimento in Struttura Privata, è necessario che l’'utente sottoscriva i seguenti documenti:
  1. La richiesta di ammissione nella graduatoria prevista per le Strutture Pubbliche
  2. L'’informativa Comunale relativa alla applicazione del differente metodo di calcolo della contribuzione Comunale al pagamento della Retta che subirà nel caso di propria rinuncia alla chiamata in Struttura Pubblica nel frattempo resasi disponibile.
  • La rinuncia al trasferimento presso una Struttura Pubblica non produce effetti sulla determinazione del contributo Comunale integrativo della retta soltanto qualora sussistano entrambe le seguenti condizioni:

1) Parere dell’'UVG che attesti la sussistenza di gravi controindicazioni di carattere sanitario, allo spostamento dell'utente;

2) Idonea certificazione medica che attesti il minore grado di assistenza sanitaria della Struttura di destinazione per le patologie sofferte.
 

  • In caso di rinuncia da parte dell’'utente al trasferimento in Struttura Pubblica per motivi personali differenti da quelli elencati, la retta a carico del Comune di Rimini riconosciuta nei confronti dell’'utente che rimarrà ospite della Struttura Privata, sarà ricalcolata sulla base del listino della Struttura Pubblica di destinazione.
  • Per la persona ospite di Strutture Residenziali, Socio-Assistenziali o Sanitarie può essere erogato eccezionalmente un contributo pari al 50% del Minimo Vitale, nei casi in cui sia necessario mantenere l’'abitazione presso la quale la persona viveva sola, per un periodo massimo di mesi 6.
  • L’'erogazione materiale del contributo avviene mediante accredito diretto alla Struttura sulla base di delega di pagamento.

CONTRIBUTI PER L’'INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO

Data: 
Mercoledì, 6 Agosto, 2014 - 02:00