I congedi: come funzionano L'’istituto dei congedi, obbligatorio o facoltativo, è stato introd

La tutela della paternità

Informazioni sui congedi per le figure paterne

I congedi: come funzionano


L'’istituto dei congedi, obbligatorio o facoltativo, è stato introdotto dalla legge  92/2012 (“Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita”), ma è ancora poco utilizzato.

Il primo tipo di congedo consiste nella possibilità, da parte dei padri dipendenti del settore privato, di avvalersi entro i primi 5 mesi dall’'arrivo del bambino di un giorno di congedo obbligatorio completamente retribuito e coperto da contributi previdenziali, riconosciuto anche se uno o l’'altro genitore  decidono  di usufruire delle altre forme di congedo previste. Per utilizzare quest’'opportunità è sufficiente comunicare per iscritto al datore di lavoro la data scelta, con almeno 15 giorni di anticipo.

Il congedo facoltativo, invece, può essere richiesto da un padre dipendente del settore privato e sempre entro i primi 5 mesi dall’'arrivo del bambino. In questo caso le giornate sono 2, sempre retribuite e coperte da contributi previdenziali, a patto che la mamma non utilizzi per sé le stesse giornate di congedo. Anche in questo caso la scelta deve essere comunicata per iscritto al datore di lavoro con 15 giorni di anticipo indicando le date stabilite e, a entrambi i datori di lavoro, la rinuncia al congedo per quelle giornate fatta dalla madre.

Data: 
Martedì, 16 Dicembre, 2014 - 01:00