La Giunta comunale ha approvato anche per i consumi dell'anno 2017 l'erogazione di un sostegno

Bonus sociale per il Teleriscaldamento o GPL zone non metanizzate per consumi anno 2017

La Giunta comunale ha approvato anche per i consumi dell'anno 2017 l'erogazione di un sostegno economico ai cittadini residenti allacciati alle reti di teleriscaldamento o utilizzatori d’impianti termici alimentati a GPL delle zone non metanizzate del Comune di Rimini.

Si tratta della misura di sostegno denominata Bonus Teleriscaldamento-GPL, che sarà erogata attraverso un bando pubblico adottando i medesimi criteri di quelli previsti dall'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG) per il cosiddetto Bonus Gas, che propone un regime di compensazione della spesa sostenuta per la fornitura di gas naturale a favore delle famiglie meno abbienti e numerose.

Con la delibera approvata martedì, infatti, la Giunta ha confermato i criteri per l’accesso alle misure di sostegno, che saranno riservate ai nuclei familiari con  certificazione ISEE "2019"  inferiore a 8.107,50 euro o inferiore a 20.000 euro nel caso di nuclei con più di 3 figli. In particolare, per i consumi effettuati nel corso del 2017, l'importo massimo del contributo sarà pari a 146 euro per i nuclei familiari fino a 4 componenti, e potrà salire fino a 207 euro per i nuclei familiari oltre i 4 componenti.

Col provvedimento adottato, che prevede per l’anno 2017 una spesa fino a 10.000 euro, la Giunta restituisce così parità di trattamento tra tutti i cittadini a prescindere dalle scelte tecniche per il riscaldamento degli edifici.
Le domande si potranno presentare a partire da lunedì 28 gennaio 2019 fino a venerdì 15 marzo 2019, presso l'Ufficio Bandi e ISEE del Comune di Rimini in via Ducale  n.7 (2^ piano) dal lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 08:30 alle ore 12:30, martedì e giovedì dalle ore 08:30 alle 12:30 e dalle ore 15:00 alle 17:00.

Cosa occorre: 

1) Certificazione ISEE 2019 rilasciata ai sensi D.Lgs. n. 159/2013 e sue successive modificazioni ed integrazioni. La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) potrà essere compilata presso un qualunque Centro Autorizzato di Assistenza Fiscale (C.A.A.F);

2) una bolletta del Teleriscaldamento o la documentazione di riepilogo della spesa in caso di utenze condominiali per acqua calda, dalle quali risultino l’identificativo del codice utente e del contratto, oppure le fatture per la fornitura di GPL per gli anni di
cui si chiede il contributo;

3) documento di identità del richiedente intestatario della bolletta/fattura o, nel caso di presentazione tramite delega, del documento di riconoscimento del delegato.

Data: 
Venerdì, 18 Gennaio, 2019 - 12:00