BARBECUE Non esiste un'ordinanza sindacale specifica al riguardo.

Barbecue / Legna da ardere / fuochi / prevenzione incendi / fuochi artificiali - spettacolo pirotecnico

BARBECUE
Non esiste un'ordinanza sindacale specifica al riguardo. Si può trovare un riferimento nell'art. 230 del Regolamento Comunale d'Igiene, che disciplina la pulizia e la manutenzione di scale, corridoi, passaggi, corti interne, corridoi e androni ad uso pubblico per prevenire l'esalazione di odori, gas e polveri; oppure all'art. 8 del Regolamento di Polizia Urbana che disciplina l'accensione dei fuochi su suolo pubblico; oppure ci si può rifare al Regolamento Condominiale qualora il condominio ne abbia uno.

ACCENSIONE FUOCHI / FOCHERACCE
Senza preventiva autorizzazione è vietato accendere i fuochi, anche momentaneamente, su suolo e giardini pubblici. Solitamente, nel tradizionale periodo delle focheracce, ovvero in occasione della festa di San Giuseppe (18/3) e della Madonna (24/3), è consentita l'accensione di fuochi previa autorizzazione degli organi competenti (art. 8 del Regolamento di Polizia Urbana).
L'Ente competente al rilascio dell'autorizzazione, a Rimini, è la Questura, la quale valuta le richieste pervenute in relazione all'ubicazione del falò.
Per qualsiasi informazione e per ritirare il modulo predisposto ci si può rivolgere all'Ufficio Autorizzazioni della Polizia di Stato - Via Bonsi 38 - Tel. 0541/436111 - Orario : da lunedì a venerdì 9-12.


Nel presentare la domanda, gli interessati devono :
- dimostrare di avere la disponibilità dell'area e di essere in possesso di adeguata copertura assicurativa per eventuali danni a persone o cose;
- devono dichiarare di non utilizzare materiale inquinante o tossico come gomma, plastica e qualsiasi tipo di legna tratttata con collanti, additivi, repellenti contro gli insetti ecc. (es. truciolare, compensato, traversine della ferrovia), materiale che può provocare esplosioni o ritorni di fiamma;
- di predisporre idonei presidi di primo intervento antincendio (sabbia, acqua, eventuali coperte antifiamma ed estintori).

Chi li accende è comunque responsabile in prima persona degli eventuali danni a sè o ad altri.


ACCENSIONE FUOCHI NELLE AREE FORESTALI E SU TERRENI SALDI O PASCOLIVI.
E' vietato a chiunque accendere fuochi all'aperto nelle aree forestali, nei terreni saldi o pascolivi, o a distanza inferiore a 100 metri dai loro margini esterni, durante il periodo dichiarato di grave pericolosità ai sensi della Legge 47/75 e della Legge n. 353 del 2000 tale distanza è elevata a 200 metri.
E' però fatta eccezione per coloro che per motivi di lavoro sono costretti a soggiornare nelle aree forestali e nei terreni di cui sopra.
E' consentita l'accensione di fuochi su appositi braceri o focolai nelle aie e cortili di pertinenza di fabbricati siti all'interno delle predette aree e terreni.
Nelle aree forestali ed in particolare nei castagneti da frutto, nei terreni saldi e pascolivi è permesso l'abbruciamento controllato del materiale di risulta dei lavori forestali dandone preventivo avviso, entro le precedenti 48 ore, al locale Comando Stazione Forestale di Rimini (Via Rosaspina 9 - Tel. 0541 783349 ), purchè il terreno su cui si effettua l'abbruciamento venga circoscritto ed isolato con mezzi efficaci ad arrestare il propagarsi del fuoco.
Si deve comunque procedere all'abbruciamento in assenza di vento ed in giornate particolarmente umide.

L'abbruciamento è vietato durante il seguente periodo dichiarato di grave pericolosità:
1 Luglio - 15 Settembre.

In tutti i casi descritti il fuoco deve essere, comunque, sempre custodito. Coloro che lo accendono sono personalmente responsabili di tutti i danni che da esso possono derivare.

E' parimenti vietato l'abbruciamento della vegetazione nei terreni saldi e nei pascoli, a scopo di pulizia.

L'abbruciamento delle "stoppie" delle colture agrarie e della vegetazione erbacea infestante è vietato a meno di 100 metri dalle aree forestali, dai pascoli e dai terreni saldi, elevati a 200 metri in periodo dichiarato di grave pericolosità.

Chiunque avvisti un incendio che interessi o minacci un'area forestale è tenuto a dare l'allarme al Corpo Forestale dello Stato presso la sede territorialmente più vicina o ritenuta più funzionale ai fini del pronto intervento, o agli Vigili del Fuoco o al Comune, o all'Ente delegato competente per territorio, o alla Polizia Municipale - Sala radio Tel 0541 704113, in modo che possa venire organizzata la necessaria opera di spegnimento.

Il proprietario o il possessore del terreno sul quale si sviluppa un incendio è sempre tenuto ad intervenire immediatamente, con le attrezzature in proprio possesso, e a partecipare alle operazioni di spegnimento, fino al loro compimento.

FUOCHI ARTIFICIALI - SPETTACOLI PIROTECNICI

Per poter allestire uno spettacolo pirotecnico occorre essere un fochino - l'esatta denominazione sarebbe artificiere per differenziarlo dal vero fochino che si occupa di far brillare le mine in miniera - ed essere in possesso di un "riconoscimento di capacità tecnica" con validità permanente, rilasciato dalla Prefettura.

Chi vuole organizzare uno spettacolo pirotecnico (Comune, parrocchia, associazione, ecc.) deve rivolgersi direttamente ad un fochino (o artificiere) il quale inoltrerà regolare richiesta in bollo alla Questura, per avere il nulla-osta.

 

 

Data: 
Martedì, 23 Giugno, 2020 - 01:00