ABOLIZIONE IMPOSTA DI SCOPO Con Delibera di C.C. n.

ISCOP - Informazioni generali

in vigore fino al 31 dicembre 2011

ABOLIZIONE IMPOSTA DI SCOPO

Con Delibera di C.C. n. 28 del 14/06/2012, è stata abolita l'Imposta di Scopo e disapplicato il relativo Regolamento Comunale con decorrenza dal 01/01/2012. 
Rimangono comunque dovuti gli importi eventualmente non pagati relativi al periodo 2007 - 2011.

INFORMAZIONI GENERALI

La legge 27 dicembre 2006 n. 296 (Finanziaria 2007),  all’art. 1, comma 145 e seguenti, ha previsto per i Comuni la facoltà di istituire una nuova imposta denominata “Imposta di Scopo”, destinata esclusivamente alla parziale copertura delle spese per la realizzazione di opere pubbliche. Il Regolamento, approvato con Delibera C.C. n. 25 del 15/03/2007 e successive modificazioni ed integrazioni, istituisce già dal 2007 l’imposta ed individua gli adempimenti connessi al nuovo tributo.

CHI DEVE PAGARE

Deve pagare l’imposta chi è proprietario di fabbricati, aree fabbricabili, terreni agricoli, situati nel territorio del Comune di Rimini, o titolare di diritto di usufrutto, uso, abitazione, superficie, enfiteusi. Per gli immobili concessi in locazione finanziaria (leasing), soggetto passivo è il locatario; nel caso di concessione su aree demaniali, soggetto passivo è il concessionario.

Per quanto non espressamente contemplato nell’apposito regolamento, si applicano le disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di ICI.

CHI NON DEVE PAGARE

Ai sensi dell’art. 5 del Regolamento ISCOP, sono esenti dall'imposta gli immobili, regolarmente accatastati nelle categorie abitative da A/1 ad A/9, individuati dall'art. 8, commi 2 e 4, del D. Lgs. n. 504/1992, come di seguito specificati:

  1. abitazione adibita ad abitazione principale del soggetto passivo, intendendosi per tale, salvo prova contraria, quella di residenza anagrafica;
  2. l'abitazione di proprietà di cooperativa edilizia a proprietà indivisa, adibita ad abitazione principale del socio assegnatario;
  3. l'alloggio regolarmente assegnato dall'A.C.E.R., adibito ad abitazione principale dell'assegnatario;
  4. l'abitazione del soggetto passivo che, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, non risulta assegnatario della casa coniugale, a condizione che il soggetto passivo non sia titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale su un immobile destinato ad abitazione situato nello stesso comune ove è ubicata la casa coniugale;
  5. l'abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da soggetto anziano o disabile che ha acquisito la residenza in istituto di ricovero o sanitario a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.

Sono, altresì, esenti dall'imposta gli immobili di cui all'art. 7 del D. L.gs n. 504/1992.

Sono considerate parti integranti dell'abitazione principale le relative pertinenze, anche se distintamente iscritte in Catasto, classificate nelle categorie C/2, C/6, C/7, limitatamente ad un garage o posto auto e una cantina o ripostiglio.

CITTADINI ITALIANI RESIDENTE ALL’ESTERO

Il cittadino italiano residente all'estero è soggetto all'ISCOP. Nel caso abbia individuato come abitazione principale l’immobile posseduto nel Comune di Rimini può però, usufruire del beneficio della detrazione d’imposta di euro 113,62, a condizione che non risulti locato.


ALIQUOTA

QUANTO PAGARE

L'imposta di Scopo è determinata applicando alla base imponibile dell'ICI, di cui al D. Lgs. 504/92 e successive modificazioni ed integrazioni, un'aliquota nella misura dello 0,5 per mille, ma deve essere versata separatamente rispetto all'ICI.


SCADENZE E MODALITA' DI VERSAMENTO

QUANDO PAGARE

L'imposta complessivamente dovuta per l'anno in corso, se superiore all'importo minimo di € 2,07 - art. 16, comma 1, lettera a) del Regolamento Generale delle Entrate - deve essere versata in unica soluzione entro la data di scadenza per il versamento del saldo dell’ICI, con arrotondamento all'euro per difetto, se la frazione è inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso, se superiore a detto importo.

MODALITA’ DI PAGAMENTO

Il versamento può essere effettuato tramite modello F24 (Risoluzione Agenzia delle Entrate  n. 156/E del 16/04/2008), presso gli sportelli di qualunque concessionaria o banca convenzionata e presso gli uffici postali, utilizzando gli appositi codici tributo:

  • "3926"- denominato "imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche, prevista dall'articolo 1, comma 145, della legge 27 dicembre 2006, n. 296".
  • "3927"- denominato "imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche, prevista dall'articolo 1, comma 145, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 - interessi".
  • "3928"- denominato "imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche, prevista dall'articolo 1, comma 145, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 – sanzioni.

Pagina WEB aggiornata il 21 ottobre 2014


Dove rivolgersi:

Dipartimento Area Servizi di staff
Settore Risorse Tributarie
Ufficio Tributi sugli Immobili
Via Ducale, 7 - 47921 Rimini
Orario: da lunedì a venerdì 9.30-13.00; giovedì 9.30-15.30
Parcheggio: ex-Area Sartini, Piazzale Tiberio
e-mail: tributi@comune.rimini.it
PEC: ufficio.tributi@pec.comune.rimini.it
Telefono: 0541 704631   Fax: 0541 704710