Secondo la legge regionale 10 marzo 2008, n.

Botteghe Storiche - Requisiti per l'iscrizione

Condizioni previste dalla legge regionale 5/2008 per l'iscrizione all'Albo Comunale delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici

Secondo la legge regionale 10 marzo 2008, n. 5 "Promozione e valorizzazione delle botteghe storiche", possono assumere la qualifica di "Bottega Storica"

  • gli esercizi commerciali al dettaglio
  • gli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande,
  • le imprese artigianali,

mentre ai mercati su aree pubbliche, può essere riconosciuta la qualifica di "Mercato Storico".

 

A questo scopo devono essere soddisfatte tre condizioni:

1. Svolgimento da almeno 50 anni continuativi della stessa attività, nello stesso locale (o area pubblica) e con le stesse caratteristiche originarie.

I locali di esercizio devono avere accesso su area pubblica o gravata da servitù di pubblico passaggio.
Sono irrilevanti i cambi di proprietà, di gestione, di denominazione, di insegna, purché le "caratteristiche originarie" dell'esercizio siano mantenute.
Non sono irrilevanti, invece, i cambi di indirizzo civico: se si verifica uno spostamento, il conteggio del periodo di attività deve ripartire da zero, salvo che il trasferimento sia avvenuto per cause di forza maggiore o per ampliamento, ed in locali adiacenti o nelle immediate vicinanze della sede originaria.
Il periodo minimo di attività passa da 50 a 25 anni quando si tratta di esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande con la denominazione di "Osteria" (la deliberazione della Giunta del Comune di Rimini n. 294 del 2009 ha stabilito di assimilare alle "Osterie" anche gli esercizi di somministrazione con denominazione diversa ("Birreria", "Enoteca", ecc.) in quanto attività significative per la tradizione locale).

2. Radicamento nel tempo dell'attività, evidenziato da un "collegamento funzionale e strutturale degli arredi con l'attività svolta".

La stabilità dell'esercizio nel luogo in cui è insediato deve risultare palese dall'aspetto degli arredi e dalla loro conformazione.

3. Caratteristiche esteriori proprie della "Bottega Storica": nei locali o nell'area devono trovarsi "elementi di particolare interesse storico, artistico, architettonico e ambientale", oppure "elementi particolarmente significativi per la tradizione e la cultura del luogo". La presenza di questi elementi distintivi non deve necessariamente essere preponderante sotto un profilo "quantitativo", ma deve offrire ad un visitatore, senza che questi sia dotato di particolari conoscenze tecniche o specialistiche, chiara visibilità del loro collegamento con l'attività svolta e suggerire in modo evidente il senso del radicamento nel tempo dell'esercizio commerciale.

 


Il provvedimento con il quale è disposto l'accoglimento della domanda di iscrizione deve attestare la ricorrenza di ciascuna delle tre condizioni in capo al richiedente. A questo scopo, è necessario porre la necessaria attenzione nella compilazione dei moduli di domanda e nella predisposizione della documentazione a corredo. È in particolare la relazione illustrativa (modello A.1) a dover dare conto:

  1. della storia dell'esercizio, soprattutto per i periodi che non fosse possibile documentare con visure dal Registro delle Imprese o dal preesistente Registro delle Ditte (attivo presso le Camere di commercio dal 1934);
  2. della motivazione di eventuali trasferimenti per cause di forza maggiore o di ampliamento;
  3. del collegamento funzionale e strutturale degli arredi con l'attività svolta;
  4. degli elementi di particolare interesse (storico, artistico, architettonico, ambientale) oppure di particolare significatività per la tradizione e la cultura del luogo.

scarica allegati