Regala un albero alla tua città

Il dettato della Legge 10/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”, comma 2 art. 1, ha previsto che i comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti stabiliscano una procedura di messa a dimora di alberi quale contributo al miglioramento urbano i cui oneri siano posti a carico di cittadini, imprese o associazioni per finalità celebrative o commemorative. In tale contesto normativo si inserisce l’iniziativa

L’Amministrazione comunale intende, pertanto, promuovere ed incentivare le donazioni di alberi da parte di privati, convogliate attraverso tale iniziativa, con la realizzazione di due sotto-iniziative:

1) Sotto-iniziativa 1 ‘Donazione di singoli alberi’: i cittadini possono versare al Comune un contributo di 250,00 Euro per ogni esemplare arboreo. Tale importo costituisce un contributo ai costi, ben più elevati, di fornitura, piantumazione e attecchimento della specie scelta per la donazione. Il donatore può scegliere la specie tra quelle comprese nell’elenco allegato, suggerito dall’amministrazione (Allegato 1), e la collocazione dell’alberatura da un secondo elenco (Allegato 2). In quest’ultimo sono state inserite alcune aree verdi come parchi o giardini di quartiere, idonee all’iniziativa. La scelta delle aree in cui effettuare le operazioni di piantumazione e/o sostituzione rispetta la volontà di distribuire gli interventi su tutto il territorio del comune di Rimini: nord, sud, centro.
Gli elenchi sono predisposti dall’ U.O. Qualità Urbana e Verde Pubblico sono di seguito allegati
A seguito della presentazione di apposita istanza da parte del donatore, i tecnici dell’Ufficio Verde comunale ovvero della Società in house Anthea s.r.l. effettueranno un sopralluogo nella zona in cui è prevista la messa a dimora. Successivamente viene inviata risposta al cittadino, con le coordinate bancarie del Comune per il versamento; a piantumazione avvenuta, dopo aver verificato l’attecchimento dell’esemplare, viene predisposto e consegnato l’attestato di donazione contenente la dedica eventualmente proposta dal cittadino, e il nominativo del donatore viene iscritto nel Registro donatori di alberi;
2) Sotto-iniziativa 2 ‘Crowdfunding / Raccolta fondi’: i cittadini possono versare al Comune un contributo di almeno 150 euro. Il Comune veicolerà le somme raccolte per la realizzazione di uno o più progetti di ripiantumazione dove vi sono stati precedenti abbattimenti e/o progetti di sostituzione di ‘fallanze’ in filari alberati che si trovano in situazioni di difficoltà (presenza di patologie, invecchiamento o instabilità degli esemplari, ecc.). È infatti intenzione dell’Amministrazione comunale procedere alla messa a dimora di nuovi esemplari, laddove vi siano stati abbattimenti o ove vi siano piante in difficoltà, al fine di mantenere in vigore vegetativo gli stessi filari. Le piantumazioni avverranno nella medesima posizione degli alberi abbattuti o in una nuova posizione, idonea per lo sviluppo e accrescimento dell'alberatura. In questo ultimo caso potrà essere modificato il sesto di impianto (la distanza tra gli esemplari). I viali alberati della città ritenuti idonei ad ospitare l’iniziativa sono quelli inseriti nella programmazione delle attività annuali di controllo, gestione e manutenzione del verde pubblico. A seguito della presentazione di apposita istanza da parte del donatore,
l’Amministrazione invia al cittadino risposta con le coordinate bancarie del Comune per il versamento. Si potrà associare alla donazione una dedica, al fine della pubblicazione nel Registro donatori. Le aree proposte, insieme alle specie arboree, sono scelte dall’Amministrazione (Allegato 3) sulla base di criteri che tengono conto della fattibilità e dei benefici ambientali e sociali che la piantumazione può apportare al territorio.

I criteri di scelta delle aree (Allegato 2 e Allegato 3) hanno tenuto conto principalmente di:
- Valenza urbana e ambientale intesa come riqualificazione, valorizzazione e miglioramento del verde urbano;
- Contribuzione alla biodiversità con interventi che tengano conto delle esigenze ambientali specifiche del territorio;
-Potenziale assorbimento di CO2 e riduzione dell’inquinamento atmosferico con conseguente miglioramento della qualità dell’aria e attenuazione dell’effetto “isola di calore”, causato da un paesaggio sempre più urbanizzato e impermeabilizzato;
-Capacità di riduzione del deflusso delle acque piovane grazie alla risposta che le aree verdi e alberate offrono in termini di intercettazione e stoccaggio dell’acqua piovana, e capacità di restituzione della risorsa idrica al terreno e alla falda.

Le nuove Linee guida dell’iniziativa “Regala un albero alla tua Città” sono scaricabili e consultabili di seguito.
In tutti i casi suindicati, all’ U.O. Qualità Urbana e Verde Pubblico è riservato il compito di valutare, dal punto di vista tecnico e qualitativo, la proposta o il progetto presentato dal proponente, evitando situazioni tecnicamente non rispondenti agli standard della città (es. qualità del materiale vegetale, impatto sulle attività di manutenzione del verde, specie scelte, ecc.).