Si tratta di oggetti rinvenuti e non reclamati dai loro proprietari.

Più di 4 mila euro incassati dall’ asta degli oggetti rinvenuti sono stati devoluti ai servizi sociali. Tra gli ultimi ritrovamenti anche un kit di bombolette da writer, un flessibile e pneumatici.

20 Agosto 2019
L’ultima asta dei 68 oggetti rinvenuti del Comune di Rimini, tenutasi a maggio, ha fruttato una cifra record di 4 mila e 340 euro. Una cifra interamente devoluta ai servizi sociali comunali per la realizzazione di interventi a sostegno della comunità e dei propri cittadini più in difficoltà.

Si tratta di oggetti rinvenuti e non reclamati dai loro proprietari. Il Comune di Rimini ne pubblicizza il ritrovamento, regolarmente, attraverso la loro pubblicazione sull’albo pretorio. Nell’ultima pubblicazione, che è possibile visionare integralmente al link  https://albopretorio.comune.rimini.it/ ,sono stati aggiunti altri 80 oggetti; si va dai telefoni cellulari a borse, da orologi a mazzi di chiavi, da biciclette ad occhiali, dagli zaini agli astucci fino ad una medaglietta d’oro. Tra le curiosità, una decina di pneumatici, un flessibile, ed una borsa contenente un intero kit da writer con bombolette spray. Insieme agli oggetti sono stati ritrovate anche diverse somme di denaro. Per esse, come per il resto degli oggetti, il tempo per reclamarne la proprietà è di un anno, passato il quale confluiscono nelle risorse devolute ai servizi sociali per potenziare servizi e attività di sostegno a chi ne ha più bisogno.