La vicinanza e l’affetto che in queste ore tutta la comunità riminese stanno esprimendo nei confront

Gessica Notaro: la dichiarazione del sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, e del Vice Sindaco Gloria Lisi

12 Gennaio 2017
“Crediamo sia non solo opportuno ma perfino necessario che il Comune di Rimini si costituisca parte civile contro chi si è reso colpevole della drammatica, crudele aggressione nei confronti di Gessica Notaro.

La vicinanza e l’affetto che in queste ore tutta la comunità riminese stanno esprimendo nei confronti della ragazza deve essere accompagnata dall’indignazione collettiva per un atto che è un’aggressione anche nei confronti di tutte le donne e gli uomini che vivono in questo territorio.

Insieme a Gessica, è Rimini ad avere subito violenza, i nostri valori, la solidarietà, tutto quello che istituzioni, associazioni, semplici cittadini hanno fatto e stanno facendo da anni affinché si affermi in tutti gli ambiti una cultura del rispetto nei confronti delle donne, contrastando la violenza e la sete di annientamento che non raramente uomini rivolgono brutalmente contro le proprie mogli, compagne, figlie, madri.

La costituzione di parte civile, insieme all’attivazione del sostegno alla vittima da parte della Fondazione Vittime di reati, è un altro strumento di questa lotta che, proprio oggi in cui massimo è il dolore e lo scoramento, deve essere rafforzata e irrobustita. Soprattutto da parte di un territorio come quello di Rimini in cui massima, fitta e competente è la rete di sostegno e la collaborazione tra forze dell’ordine, Procura, istituzioni e associazioni di volontariato su questo drammatico problema.

Non solo: facciamo appello alla comunità riminesi e a tutte le sue espressioni organizzate e sociali affinché la prossima settimana si organizzi un momento collettivo di solidarietà verso Gessica e di riflessione sul problema della violenza nei confronti delle donne. Le modalità dell’iniziativa saranno concertate con tutti gli attori ma consideriamo doveroso per una città che ogni anno organizza la grande camminata intitolata ‘E’ per te’, aggiungere oggi il nome di Gessica”.