Nel delineare il ruolo delle Istituzioni in questa delicata fase di maggiore attenzione delle Autori

Covid19 - aggiornamento 29 febbraio - Prefettura di Rimini

29 Febbraio 2020
Si prosegue nel monitoraggio della situazione sanitaria che sta interessando il territorio della provincia attraverso mirate riunioni anche in videoconferenza con i vari soggetti pubblici interessati.

Nel delineare il ruolo delle Istituzioni in questa delicata fase di maggiore attenzione delle Autorità pubbliche competenti impegnate in prima linea il Prefetto Alessandra Camporota ha riaffermato la necessità della massima leale collaborazione tra le componenti interessate, ponendo l’accento sulla rilevanza della correttezza e della circolarità delle informazioni, ai fini di un efficace coordinamento delle attività e delle iniziative a tutela della salute dei cittadini. Il regolare funzionamento delle singole parti di un sistema come quello pubblico – ha affermato il Prefetto - può garantire la piena efficacia dell’azione complessiva svolta. Al riguardo, nel tracciare un bilancio delle attività svolte nella scorsa prima settimana il Prefetto ha espresso apprezzamento per l’atteggiamento positivo assunto dai Sindaci della provincia e per il loro senso di responsabilità in un chiaro messaggio univoco contro i facili allarmismi, assicurando la prosecuzione dell’attività di supporto della Prefettura e delle Forze dell’Ordine nell’attuazione delle misure e degli interventi delle Autorità locali e di quelle Sanitarie. È stato ancora evidenziato il ruolo centrale dell’AUSL e dei medici di base nell’assistenza fornita ai cittadini anche attraverso indicazioni e consigli in merito ai comportamenti da adottare in tale contesto e nel monitoraggio della situazione sanitaria, allo scopo di adeguare gli interventi di contenimento del fenomeno alle reali esigenze rappresentate, di volta in volta, dai cittadini stessi. Per fronteggiare e arginare il rischio di diffusione del coronavirus è fondamentale, come ha dichiarato il Presidente della Repubblica, anche la piena collaborazione di tutta la popolazione secondo le indicazioni delle autorità sanitarie. “Grazie ai medici basta con le paure irrazionali”. È molto chiaro il quadro degli interventi che si sta progressivamente delineando. Nell’ambito tracciato dagli indirizzi del Governo la Regione Emilia Romagna, che ha tempestivamente adottato i primi necessari provvedimenti, valuterà l’adozione delle opportune misure anche alla stregua dei dati provenienti dalla comunità scientifica. Si rinvia all’odierno comunicato stampa della Regione prot. n. 90/2020, con riserva di ulteriori aggiornamenti.