Il mutare del quadro socio-economico in cui opera la Pubblica Amministrazione rende necessaria un’

Benessere organizzativo

Il mutare del quadro socio-economico in cui opera la Pubblica Amministrazione rende necessaria un’attenzione costante alle esigenze di adeguamento dell’assetto organizzativo e di modernizzazione dei processi gestionali, con particolare riguardo alle risorse umane, in quanto elemento decisivo di ogni efficace politica di sviluppo e coesione.

Lo sguardo che è necessario rivolgere alle risorse umane non deve andare solamente nella direzione delle tecniche gestionali (scelte in ambito retributivo, organizzativo, gestione delle carriere e relazioni sindacali) ma deve indagare il clima organizzativo in modo da coinvolgere ulteriori fattori di carattere emotivo che, nel loro complesso, possano creare condizioni di benessere/malessere organizzativo e incidere sul grado di soddisfazione del personale, sulla produttività, sul livello di raggiungimento degli obiettivi.

L’Amministrazione utilizza da anni tecniche e strumenti di accountability.

Ciò è dimostrato dall’uso dei sistemi di rilevazione della customer satisfaction in numerosi settori di attività dell’Ente.

La Direzione Organizzazione, Cultura e Turismo ha avviato nel 2011 la prima rilevazione sul clima organizzativo.

Nel 2013 si è deciso di effettuare una seconda indagine per monitorare il livello di benessere sul luogo di lavoro; in questo caso utilizzando il modello di rilevazione fornito da ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione).

scarica allegati

Relazione sul clima organizzativo 2011 (111.49 KB - pdf) - 07/04/2015
Relazione sul clima organizzativo 2012-2013 (161.29 KB - pdf) - 07/04/2015