Logo stampa
 
Comune di Rimini
Comune di Rimini
Sabato, 01 11 2014
Il Comune sui social network
  • Facebook
  • Arengo Video
  • Twitter
  • INSTAGRAM
  • Flickr Foto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sei in: LA CITTA' » Cultura » FAR

FAR: Ferruccio Ferroni, Riccardo Gambelli POETICA DEI TONI GRIGI a cura di Marcello Sparaventi e Centrale Fotografia Fano

Dal 16 settembre al 4 novembre 2012. Inaugurazione domenica 16 settembre ore 18 - Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19,30 Lunedì chiuso - Entrata libera

FERRONI 1

Immagini in bianco e nero, stampe ai sali d'argento. Fotografie discrete e allo stesso tempo cariche di poesia, lontane dai toni drammatici del pittorialismo fotografico come dalla freddezza della fotografia più concettuale. In contemporanea con la Ventunesima edizione del Si Fest che si svolge a Savignano sul Rubicone, Domenica 16 settembre 2012, con inaugurazione alle ore 18,00, la FAR (Fabbrica arte Rimini), nell'ambito di Foto di settembre, mese che Rimini dedica all'immagine fotografica, celebra la fotografia analogica attraverso la riproposizione delle opere di due fotografi marchigiani molto attenti alla tecnica, ma allo stesso tempo capaci di toccare altissime vette di lirismo.

Ferruccio Ferroni e Riccardo Gambelli, entrambi senigalliesi, hanno in comune un precoce amore per la fotografia, amore che dovranno sacrificare per carriere lavorative più sicure - Ferroni eserciterà per tutta la vita la professione di avvocato, Gambelli sarà dipendente delle Poste - mantenendo però la loro comune passione a livello amatoriale (caratteristica che unisce la poetica dei due fotografi, legata ai circoli fotografici e alle uscite domenicali). Hanno in comune inoltre l'assidua frequentazione dell'Avvocato Giuseppe Cavalli, mentore e guida spirituale, vero e proprio faro per la crescita intellettuale di entrambi. Cavalli sarà il fulcro del fermento culturale di Senigallia durante tutti gli anni '50, e il fondatore del mitico circolo fotografico Misa, associazione che ebbe vita breve a causa delle ingombranti personalità che vi facevano parte - tra cui quella del fotografo senigalliese forse più conosciuto, Mario Giacomelli - ma a cui dobbiamo l'elaborazione di feconde e avanguardistiche concezioni della fotografia, del tutto inedite nella Penisola.

 
FERRONI 2

Ciò che distingue i due autori - sebbene condividano lo stesso background culturale, la stessa guida intellettuale e lo stesso gruppo di amici fotografi, con cui passavano insieme i momenti più emozionali della loro vita, dalle lunghe chiacchierate nei bar alle riflessioni sul medium fotografia nella splendida residenza dell'Avvocato Cavalli - è proprio l'approccio alla fotografia, dettato da una diversa lettura del reale.

Ferroni presenta uno stile fotografico radicale, fatto di sottrazioni: la capacità di isolare il soggetto e di ridurre la composizione del fotogramma all'essenzialità sono caratteristiche che il fotografo deve alla sua formazione classica, all'interesse per la pittura, nonché alle forti influenze che giungevano dall'Europa e dall'altra sponda dell'Atlantico, in particolar modo la subjective fotografie di Otto Steiner e la straight photography di Paul Strand.

 
GAMBELLI

Le opere di Ferroni presenti nella mostra risalgono agli anni '50, ma sono state ristampate negli anni '80, quando il fotografo riprese, dopo un lungo periodo di abbandono, a fotografare e stampare in camera oscura. Egli annotava, con cura maniacale (ben sappiamo come il garage-laboratorio del fotografo non lasciasse spazio al caso), tutti i dati di stampa, cosicché ebbe modo di ricreare perfettamente gli stessi toni e lo stesso contrasto, riportando in vita l'anima di fotografie stampate trent'anni prima.

Gambelli, che muove i primi passi insieme all'amico Mario Giacomelli, presenta uno stile più descrittivo - e dai temi ricorrenti: marine, paesaggi, still-life, ritratti... - fortemente influenzato dal mentore Cavalli, che aveva l'ultima parola sugli ingrandimenti delle stampe e persino sui titoli delle opere (all'epoca molto importanti, poiché costituivano il biglietto da visita per la presentazione delle opere ai concorsi fotografici). Gambelli si concentra su Senigallia, che conosce in lungo e in largo, lavorando come fattorino telegrafico delle Poste, città a cui spesso si sovrappone una nuova visione idealizzata, dettata dalla forte sensibilità e dalla volontà del fotografo di trasfigurare il reale. Se Giacomelli sperimenterà una sorta di neo-pittoricismo fotografico, arrivando quasi ad eliminare in stampa i mezzi toni e creando così fotografie dai forti contrasti e dalla forte matrice grafica, Gambelli privilegerà una fotografia più discreta, in cui la tecnica dell'high-key contribuisce a renderla impalpabile, trasognante.

A nostro avviso, il nocciolo della questione e il punto focale della mostra riminese è capire come queste fotografie riescano, tramite un candido nitore, ad esprimere significati esistenziali ed universali. Il primo indiziato potrebbe essere l'attenzione formale con cui i fotografi ricreano, tramite infinitesimali variazioni di tono, tutte le sfumature del reale: influenzati da Cavalli, i due artisti alleggeriscono il peso delle ombre, ammorbidiscono i contrasti, giungendo così ad una poetica dei toni grigi. Una fotografia pura, eterea. Un approccio che, insieme a un'inclinazione dello spirito riservata e schiva, li spingerà ad evitare immagini d'effetto: i due fotografi privilegiano senza dubbio la riflessione piuttosto che la foto rubata, à la sauvette, fotografando solamente soggetti a portata di mano, per poterli analizzare con calma, in differenti condizioni di luce.

Una questione irrisolta quindi, che v'invitiamo a cercare di decifrare, guidati dalle fotografie tenui ed intimiste qui riproposte, opere che non mancheranno di ammaliare chi non si fa influenzare da facili sensazionalismi o da mode superficiali, ma che si fa invece guidare dalla propria sensibilità in un'osservazione profonda e riflessiva di ciò che ci sta intorno - ma che troppo spesso ci è invisibile.

Marcello Sparaventi

Info 0541.704416 / 704422