ESPATRIO Dal 1° ottobre 2004 è obbligatorio il PASSAPORTO per cani, gatti ed anche furetti per pote

Vacanze a quattro zampe

Istruzioni per l'uso

ESPATRIO
Dal 1° ottobre 2004 è obbligatorio il PASSAPORTO per cani, gatti ed anche furetti per poter espatriare nei paesi della Comunità Europea. 
Tale documento contiene tutte le informazioni per l'identificazione, nonchè notizie dettagliate su vaccini e stato di salute. La nuova disposizione è stata introdotta per tutelare la salute degli animali e dell'uomo e prevenire il diffondersi di malattie infettive.
Per il rilascio del documento ci si può rivolgere a:
Ambulatorio Veterinario AUSL - Via Coriano 38
Orario: giovedì (su appuntamento tel. 0541/707290) e sabato ore 8-9.
In ogni caso, visto che l'ingresso in determinati paesi europei ed extra-europei è vincolato da disposizioni più restrittive (esempio Regno Unito) è opportuno informarsi per tempo sulle disposizioni sanitarie in vigore negli stati stranieri di destinazione o di transito.

TURISMO
Attraverso il link a fondo pagina è possibile consultare il portale del Ministro del Turismo www.turistia4zampe.it che è una guida on-line che raggruppa gli esercizi pubblici dove gli amici a 4 zampe sono i benvenuti.
Molti alberghi e diversi stabilimenti balneari nella provincia di Rimini accettano cani e gatti ed hanno spazi dedicati. Si può consultare l'elenco degli alberghi sul sito www.turismo.provincia.rimini.it oppure fare richiesta specifica al momento della prenotazione a RIMINI RESERVATION.

Meglio in casa
Se non potete portare in vacanza i vostri animali, è preferibile cercare, molto tempo prima, una soluzione privata e confortevole.
Per precauzione, è consigliabile una prova preliminare con la persona scelta, per controllare la tolleranza e la disponibilità di tutte e due le parti.
Pensioni
Se proprio non trovi l'ambito privato-animalista, a Rimini e Provincia esistono pensioni che possono ospitare cani e gatti. Si raccomanda tuttavia di fare attenzione a non affidarli a strutture il cui unico scopo è il guadagno. Spesso la promiscuità e l'alto numero di ospiti sono cause primarie di choc, malattie virali e non (dovute all'abbassamento delle difese immunitarie in conseguenza dello stress da cambiamento).
Prima di consegnare il cane o il gatto, vai a fare un sopralluogo, possibilmente quando la struttura è già in funzione. 
Non farti incantare da fotografie allettanti e parole; pretendi di poter controllare il servizio che paghi.
Chiedi anche di parlare con il veterinario (dovrebbe sempre far parte del "servizio").
A questo punto, se tutto va bene (dimensioni box, cibo fresco, assistenza veterinaria, pulizia e così via) consegna un foglio con le istruzioni in caso di somministrazione di farmaci e la fotocopia del libretto sanitario (l'originale resterà a te dopo averlo esibito).
Per tua tranquillità prendi nota dell'indirizzo e telefono del veterinario, al quale potrai rivolgerti direttamente quando è fuori dalla struttura o non è reperibile e lascia anche il recapito del tuo veterinario. Se possibile lascia un tuo recapito anche se sei all'estero o il telefono di qualche familiare.

Se decidete di portare in vacanza i vostri animali, occorre pensare al mezzo di trasporto più idoneo per affrontare il viaggio.

IN AUTO
Se scegliete di affrontare un viaggio in auto, ecco alcuni consigli:

- fate viaggiare il cane a stomaco vuoto, soprattutto se soffre di mal d'auto. Eventualmente chiedete al veterinario di fiducia la prescrizione di farmaci specifici;

- fate almeno una sosta ogni due ore per fargli sgranchire le zampe e farlo bere;

- portate con voi una buona scorta d'acqua;

- non lasciate il cane all'interno della macchina incustodito al sole con il rischio di ipertermia, sovente causa di morte. In caso di colpo di calore contattare immediatamente il veterinario e nel frattempo bagnare subito le zampe dell'animale con acqua fredda o immergerlo completamente;

- ricambiate l'aria dell'abitacolo molto spesso, soprattutto se non si dispone di un impianto di condizionamento;

- rispettate l 'art.169 del codice della strada: è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida. È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitori, o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete o altro analogo mezzo idoneo;

- abituate l'animale al mangime secco: è più igienico quando si viaggia!

- se invece viaggiate con il vostro gattino: coprite la gabbietta con un asciugamano umido, in modo da tenerlo al riparo da luce e calore.

Se decidete di percorrere il viaggio in autostrada esistono alcune AREE DI SERVIZIO PER GLI AMICI A QUATTRO ZAMPE:

I FIDO PARK (così vengono chiamati) sono zone collocate all'esterno dei punti di ristoro destinate esclusivamente ai cani, dotate di acqua corrente e di cucce isolate termicamente. I servizi offerti sono gratuiti. Vi segnaliamo quelle attive sulle nostre autostrade:

Area di servizio "Vispa" sulla Savona-Torino, loc. Cancare (Sv), Tel.0195/14090.
Ristop Srl località Villafranca di Verona (Vr), Tel. 045/6339711.
La Macchia Est A1-NA/Roma, Anagni (direzione nord).
Montefeltro Est A14-Ancona/Bologna, Riccione (direzione nord).
Sant'Ilario Nord A12-Sestri/Genova, Genova Nervi (direzione nord).
Conero Ovest A14-Ancona/Pescara, Numana (direzione sud).
La Macchia Ovest A1-Roma/Napoli, Anagni (direzione sud).
Stura Ovest A26-Alessandria/Voltri, Belforte Monferrato (direzione sud e nord).
Tevere Est A1- Roma/Firenze, Civitella d'Agliano (direzione nord).
Brianza Sud A4-Milano/Venezia, Caponago (direzione nord).
Po Est A13-Bologna/Padova, Ferrara (direzione nord).

Per ulteriori informazioni e l'elenco completo e aggiornato delle aree di servizio e di parcheggio, potete rivolgervi all'AISCAT (Associazione italiana società concessionarie autostrade e trafori), Tel. 06/4827941.

TRENO / AEREO / NAVE
E' consentito trasportare animali domestici ma, prima di organizzare il viaggio, è bene contattare la compagnia di trasporto prescelta.

Seguendo le norme previste dalle Ferrovie in materia di prenotazione dei biglietti, sui treni in cui sono ammessi, possono viaggiare liberamente tutti i cani, anche quelli compresi nella lista delle cosidette razze pericolose, ormai abolita: pitbull, rottweiler, american bulldog, dogo argentini e tutti gli altri, (ovviamente muniti di museruola e guinzaglio corto). Le eventuali restrizioni in merito, da parte delle Ferrovie, sono illegali e illegittime, in quanto si riferiscono ad una ordinanza non più in vigore e sostituita con l'ordinanza del sottosegretario alla salute Martini del 3 marzo 2009 che abolisce l'elenco delle 17 razze pericolose. Qualora in biglietteria dovessero rifiutarvi i biglietti ferroviari per viaggiare con i vostri cani, vi chiediamo di denunciare immediatamente al più vicino ufficio di polizia ferroviaria o delle forze dell'ordine sia la società Ferrovie Italiane che il responsabile del servizio di biglietteria, che nel caso specifico commette il reato di truffa, rifiutandovi un biglietto in base ad una normativa non più in vigore».

Se le Ferrovie applicano ancora l'ordinanza Turco che è decaduta devono essere denunciate per truffa e per abuso di potere. 
Una volta che vengono rispettate le regole previste per la prenotazione dei biglietti ,nessuno può vietare di farvi salire in carrozza con il vostro cane, quale sia la sua razza e la sua taglia.

 

Cosa mettere in valigia?
Una volta eseguiti i dovuti accertamenti, è ora di pensare ai bagagli del vostro cane o gatto.
Preparateli con cura, cercando di non dimenticare:

- libretto sanitario

- passaporto europeo

- collare, guinzagli e museruola

- due ciotole d'acciaio inox (facilmente lavabili), una per l'acqua e l'altra per il cibo

- scorta del suo cibo preferito

- giochino preferito

- kit pronto soccorso

- brandina e copertina

- tendina e zanzariera

- scorta di acqua per evitare che si disidrati.
Si parte!

Prima di affrontare il viaggio che vi porterà a destinazione verso la meta prescelta, è necessario condurre qualche verifica importante.

A) Innanzi tutto è bene contattare la struttura ricettiva per avere conferma riguardo all'accoglienza del vostro animale. Fatevi mandare una conferma scritta, per evitare equivoci!

B) Contattate l'ente turistico locale e chiedete se ci sono particolari restrizioni per i cani. In molte località di villeggiatura sono in vigore ordinanze comunali o regionali valide solo in determinati periodi dell'anno che vietano l'accesso ai cani ad esempio sulle spiagge.

C) Chiamate gli uffici veterinari dell'ASL, per verificare se nella zona di villeggiatura sia in atto un'epidemia.

D) Controllate il libretto sanitario del vostro quadrupede e fate in modo che sia in regola con le vaccinazioni.
Il libretto deve essere aggiornato e deve riportare lo stato di salute dell'animale.

E) Chiedete al vostro veterinario qualsiasi informazione sui rischi di salute per l'animale in determinate zone. Prima di partire è meglio eseguire una profilassi filariosi, preceduta da un esame del sangue.

F) Portate con voi una foto recente del vostro animale e indicate sul collarino i numeri utili per rintracciarvi (cellulare, numero di casa, indirizzo). Se si dovesse perdere sarete reperibili più facilmente. Se si dovesse verificare questo spiacevole inconveniente, ricordatevi di denunciare la sua scomparsa alla Polizia.

 
 
Link utili

» Sito Turisti a quattro zampe

» Sito Ministero della salute