Gli Impianti di Teleriscaldamento a Rimini L'utilizzo di impianti di teleriscaldamento per la p

Impianti comunali

Pagina in prova

Gli Impianti di Teleriscaldamento a Rimini

L'utilizzo di impianti di teleriscaldamento per la produzione efficiente di energia è una scelta che sul territorio riminese è partita da lontano e, dopo alterne fortune, ha dimostrato di essere una soluzione sostenibile per ridurre le emissioni climalteranti del territorio al fine di raggiungere gli obiettivi previsti a livello locale dal Patto dei Sindaci sottoscritto dal Comune di Rimini nel 2009.

Sul territorio comunale sono presenti tre impianti di proprietà pubblica di teleriscaldamento che sono gestiti dal mese di ottobre 2010 da un unico soggetto Gestore (R.T.I. costituita da Gruppo Società Gas Rimini spa e Coop. Braccianti Riminese scarl), individuato attraverso una gara europea ed i cui obiettivi e termini furono approvati con la Delibera del Consiglio Comunale n. 116/09.

Il primo impianto, denominato Marecchiese, è ubicato all’interno del IV Comparto P.E.E.P. Marecchiese è stato realizzato dal Comune di Rimini, nella configurazione originaria, nei primi anni ’80.

Il secondo impianto, denominato Viserba, è ubicato all'interno del comparto P.E.E.P. Viserba ed è stato costruito nel 2005 dal Consorzio” Il Maestrale”, costituito da tutti i soggetti privati attuatori delle unità minime di intervento del P.E.E.P. Viserba come facente parte delle opere di urbanizzazione primaria dello stesso P.E.E.P.

Il terzo impianto, denominato Gaiofana, è stato commissionato dal Consorzio Gaiofana e realizzato, come previsto dal contratto di servizio) dal Gestore del Servizio di Teleriscaldamento nel corso del 2014 (avviamento provvisorio della sola rete nel dicembre 2010) ed è al servizio del medesimo comparto P.E.E.P.

Categoria documento: