La 66.

ZOROASTRE all'ombra di Casanova alla SAGRA MUSICALE MALATESTIANA

13 Ottobre 2015
La Sagra Musicale Malatestiana vara una nuova iniziativa, che intreccia in una formula inedita, la proposta di un concerto dal vivo con l’esecuzione di una sequenza di pagine tratte da Zoroastre di Rameau/de Cahusac, durante le fasi di realizzazione di un prodotto cinematografico che impegnerà l’attrice Galatea Ranzi, i musicisti della Theresia Youth Baroque Orchestra diretta da Claudio Astronio, il regista Gianni di Capua.
  • Gianni di Capua
  • Galatea Ranzi
  • Theresia Youth Baroque Orchestra
  • Claudio Astronio

La 66. Sagra Musicale Malatestiana di Rimini vara un progetto innovativo  con la produzione di un film-concerto dedicato a Zoroastre -  tragédie lyrique di Jean Philippe Rameau su libretto di Louis de Cahusac - che sarà interamente girato dal regista Gianni di Capua valorizzando i sontuosi spazi del Teatro Galli di Rimini., recentemente riaperti al pubblico.

 

Sarà la celebre attrice Galatea Ranzi - formatasi con Luca Ronconi, Premio UBU e Premio Eleonora Duse come miglior attrice, volto noto a teatro ma soprattutto in televisione (nella soap opera Cento Vetrine) e al cinema, dove è stata tra i protagonisti del film premio Oscar come miglior film straniero 2013 La grande bellezza di Paolo Sorrentino - a offrire l’inedito e avvincente punto di osservazione nella narrazione del film, attraverso la figura di Giacomo Casanova che, a due anni dalla prima rappresentazione di Zoroastre a Parigi nel 1749, curò una versione in italiano del libretto di de Cahusac destinata alla compagnia italiana dell’Opera di Dresda di cui faceva parte in qualità di danzatrice la madre del famoso avventuriero veneziano.

 

«Abbiamo estrapolato alcuni testi dell’ultimo Casanova, quello anziano e cinico, quello che revisiona le proprie memorie e riflette sul fallimento della Rivoluzione francese scrivendone ad un suo giovane corrispondente. Quel Casanova lo abbiamo messo in un ideale dialogo col Casanova venticinquenne, protagonista dell’epoca dei lumi che di quella Rivoluzione fu ispiratrice, e che lo Zoroastro tradotto dal grande veneziano ebbe l’audacia di anticipare. Un confronto testuale voluto, che declinato al presente offre più di qualche spunto di riflessione. Sarà il pubblico a trarre una propria sintesi», spiega il regista Gianni Di Capua.

 

Oltre a coinvolgere Galatea Ranzi, la produzione della Sagra Musicale Malatestiana fa convergere sul set cinematografico offerto dalle architetture del Teatro Galli di Rimini i giovani talenti musicali della Theresia Youth Baroque Orchestra. 

 

E proprio durante le fasi di realizzazione del film, il pubblico sarà eccezionalmente ammesso al set aperto dalla Sagra Musicale Malatestiana per seguire, venerdì 16 e sabato 17 ottobre alle ore 21, la prima esecuzione in tempi moderni di una sequenza di pagine musicali strumentali e vocali tratte dalla prima versione di Zoroastre,  affidate alla Theresia Youth Baroque Orchestra diretta da Claudio Astronio con le voci del tenore Andrés Montilla-Acurero e del soprano Martina Tardi.

Distribuito da Bertafilm a livello internazionale, il film-concerto con cui la Sagra Musicale Malatestiana lancia una nuova e importante sfida produttiva sarà presentato a gennaio 2016 in anteprima a Rimini, e successivamente proiettato in rassegne cinematografiche e concertistiche di tutta Italia.

Ingresso unico 20 euro, solo su prenotazione al tel. 0541-793811 dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle 14.00. Data la circostanza della ripresa televisiva contestuale all’esecuzione del concerto è gradito l’abito scuro.

 

Per ulteriori informazioni:

Comune di Rimini – Settore Cultura via Cavalieri 26 47900 Rimini

tel. 0541.704294 – 95 – 96

http://www.sagramusicalemalatestiana.it

 

Ufficio stampa Sagra Musicale Malatestiana:

Anna Barina

cell. +39 349.7549303

 

Emilia Campagna

emilia.campagna@tybo.org

 

Da quando Luca Ronconi, che era stato suo insegnante all’Accademia Silvio D’Amico e aveva diretto il suo saggio finale, L’amore allo specchio (1987), un fascinoso testo barocco secentesco di G. B. Andreini, la fece debuttare appena diplomata, nel 1988, come protagonista della Mirra di Alfieri allo Stabile di Torino, non ha mai perso l’occasione di confermare il suo straordinario talento d’attrice. Ronconi le ha sempre affidato ruoli importanti nei suoi successivi spettacoli, da Misura per misura (1988), Strano interludio (1989), Gli ultimi giorni dell’umanità (1991), Questa sera si recita a soggetto (1995), fino a Lolita (2000) e Il candelaio (2000). Ha collaborato anche con altri registi come il greco Theodoros Terzopoulos,  Cesare Lievi,  Massimo Castri.

 

Regista e autore di numerosi programmi realizzati per la televisione, dal genere documentario a un vasto repertorio di regie televisive, Danza, Musica e Teatro, realizzati per RAI SAT. Regista teatrale e di opere liriche del teatro musicale moderno e contemporaneo, produce innovativi format televisivi applicati alla ripresa video dello spettacolo dal vivo, sperimenta un diverso registro narrativo del mezzo televisivo tenuto conto l’emancipazione del suo linguaggio, il mutato quadro delle esigenze di un pubblico qualificato e di un mercato sempre più globale e competitivo. Tra i programmi realizzati si contraddistingue la pluriennale produzione di progetti audiovisivi con importanti esponenti della danza contemporanea internazionale, tra cui la pluriennale collaborazione con Carolyn Carlson, e della musica contemporanea, tra questi la serie di lavori dedicati al compositore Luigi Nono. I suoi documentari sono regolarmente programmati su RAI 5 e distribuiti sui circuiti televisivi internazionali. Nel 2013 realizza il documentario Richard Wagner, diario veneziano della sinfonia ritrovata, accolto con successo al Festival di Bayrueth ad ideale coronamento delle celebrazione del bicentenario della nascita del grande compositore tedesco. È socio fondatore dell’associazione dei documentaristi italiani DOC It. Parallelamente all’attività incentrata sull’audiovisivo, collabora alla progettazione e allo sviluppo di progetti culturali e multimediali per l’impresa privata e istituzioni non profit, tra cui spicca la pluriennale attività svolta per il Gruppo Benetton ( 2003-2007) nella progettazione, direzione e amministrazione delle attività culturali di Iniziative Culturali, successivamente confluita nella Onlus Studi e Ricerca. Responsabile a diverso titolo di rassegne cinematografiche, tra cui lo storico Festival del Cinema d’Arte e di Biografia d’Artista di Asolo di cui ha assunto la direzione nel 2001, rilanciandolo dopo alcuni anni di forzata chiusura. Docente a contratto dal 1999 in materie cinematografiche e in produzione audiovisivo presso gli Atenei Cà Foscari di Venezia e dal 2006 all’Università di Udine (DAMS).

THERESIA YOUTH BAROQUE ORCHESTRA

 

Musicista poliedrico, affianca l’attività di solista all’organo e al clavicembalo a quella di direttore d’orchestra; dirige il gruppo Harmonices Mundi con strumenti originali con il quale si esibisce presso i più prestigiosi festival di musica antica di tutto il mondo. Nel 2007 ha debuttato come direttore d’opera con Don Giovanni di Mozart e Orfeo e Euridice di Christoph Willibald Gluck con la regia di Graham Vick. Ha inciso per l’etichetta Stradivarius ed attualmente incide per Brilliant Classics: i suoi cd sono stati insigniti di numerosi premi presso le più importanti riviste specializzate italiane ed estere come Grammophone, Musica, CD Classica, Amadeus, Classic Voice, Alte Musik Aktuell, Diapason, Repertoire, El Paìs, Ritmo, Diverdi, Goldberg, Le Monde de la musique, Continuo e Fanfare (USA). Tra i suoi interessi musicali anche il jazz e la contaminazione tra mondi musicali diversi: ha lavorato con la Banda Osiris e collabora stabilmente con la cantante jazz singer Maria Pia de Vito , Paolo Fresu e Michel Godard. È direttore stabile dell’orchestra giovanile Theresia e direttore artistico del Festival Antiqua in Bolzano Festival Bozen. All’attività concertistica affianca quella didattica presso il Conservatorio di Trapani dove insegna clavicembalo e tastiere storiche.