A tre settimane dalla Kermesse sportiva italiana dedicata ai ragazzi, si fa il punto per esprimere l

Trofeo Kinder + Sport 2018: a Rimini sport e scuola in un rapporto di osmosi

12 Ottobre 2018
L’assessore Brasini fa il punto e ringrazia tutti gli organizzatori della più grande manifestazione under 14 in Italia svoltasi a Rimini dal 21 al 23 settembre scorso.
  • Incontro
  • Incontro
  • Incontro

A tre settimane dalla Kermesse sportiva italiana dedicata ai ragazzi, si fa il punto per esprimere la giusta gratitudine a organizzatori, partner, atleti e tutta la città, che ha dimostrato di saper  accogliere e gestire al meglio un evento di carattere nazionale. 

Erano presenti anche il Presidente CONI Emilia Romagna Umberto Suprani,  il Delegato CONI Point Rimini Rodolfo Zavatta e il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale  Giuseppe Pedrielli, fra i numerosi rappresentanti delle federazioni e associazioni sportive riminesi, che questa mattina sono stati convocati in residenza comunale. Tutti invitati dall’assessore allo Sport Gian Luca Brasini, che si è congratulato per la perfetta gestione della quinta edizione dell’evento sportivo per ragazzi più importante d’Italia. 

Ricordiamo che la manifestazione, dove si sono  svolte 320 gare di 45 sport diversi,  è stata inaugurata alla presenza del Presidente del CONI Giovanni Malagò.

“Tutto ha risposto molto bene - ha sottolineato L’assessore Gianluca Brasini  -  dalla cerimonia inaugurale nell’invaso del ponte di Tiberio, che è stato sicuramente un momento bellissimo, alle gare svoltesi nei tanti impianti sporti della città,  fino alla cerimonia conclusiva in piazzale Fellini, altro luogo indennitario di Rimini. 
Questo incontro è stato voluto solo per ringraziare sinceramente tutti, perché, quando si gioca una bella partita e si porta a casa un bellissimo risultato, è giusto anche trovare il tempo per ringraziare e dare i meriti.  Con questa manifestazione, credo che Rimini, per quanto riguarda lo sport, abbia dato grande prova di esserci, sullo sport in generale e soprattutto sullo sport per chi appartiene ad una frasca d’età delicatissima. Una macchina organizzativa, che si è mossa direi in maniera perfetta, nell’ottica della massima collaborazione, insieme al CONI e a tanti partner. 
Abbiamo utilizzato prevalentemente gli impianti sportivi delle scuole  per un evento dedicato a ragazzi di età scolare,  solidificando così un rapporto, quello tra sport e scuola, che è fondamentale per la crescita dei ragazzi e superando così il falso pregiudizio per cui lo sport non puro convivere con la scuola in maniera produttiva”.