La rigenerazione di un'area degradata della città attraverso l’inserimento di nuovi servizi dedicato

Questa mattina il workshop sul progetto velostazione

12 Aprile 2017
L’assessore Frisoni: “Un luogo oltre che di servizi per la mobilità, anche per fare cultura e creare nuove opportunità di lavoro”. Avviata una collaborazione con i ragazzi di Radioimmaginaria
  • Progetto Velostazione
  • Progetto Velostazione

La rigenerazione di un'area degradata della città attraverso l’inserimento di nuovi servizi dedicato alla mobilità attiva: è questo lo spirito del progetto della velostazione, al centro del workshop organizzato dall’Amministrazione Comunale in collaborazione col Piano Strategico. L'incontro si è aperto con un intervento dell'architetto Roberto Tognetti, coordinatore nazionale iperPIANO e co-autore del libro “Riusiamo l’Italia", che ha aperto l'iniziativa illustrando alcuni esempi di riattivazione di spazi urbani dismessi in Italia. La velostazione riminese si vuole inserire nel solco di queste sperimentazioni in corso unendo l'obiettivo di rigenerazione di un'area degradata della città con la necessità di fornire servizi a supporto della mobilità ciclabile, in una porta d'accesso strategica della città. "La velostazione dovrà essere un luogo testimone della Rimini accogliente, accessibile, sostenibile, inclusiva, innovativa e partecipata - ha detto l'assessore alla mobilità Roberta Frisoni - Sarà un intervento inserito in un più ampio progetto di rigenerazione dell'area stazione, che proporrà servizi per la mobilità ciclabile (deposito, noleggio, ricarica, piccole riparazioni) ma anche un luogo dove sperimentare nuove forme di fare cultura con il coinvolgimento dei giovani e in grado di generare nuove opportunità di lavoro per le persone più svantaggiate”.

Al workshop, cui hanno assistito anche rappresentanti di Sistemi Urbani, proprietario dell'immobile, sono intervenuti il Preside del liceo Serpieri, alcuni ragazzi impegnati nelle attività previste dalla convenzione sull'alternanza scuola-lavoro sottoscritta tra il liceo e l'amministrazione comunale, Fabrizio Moretti di MP tra i sponsor di questa iniziativa, e alcuni ragazzi di Radioimmaginaria Media Hub, la prima radio di adolescenti in Europa fatta interamente da teen-ager dagli 11 ai 17 anni con 'antenne' in tutto il mondo e un presidio riminese, con cui si attiverà una collaborazione per animare gli spazi e supportare la comunicazione delle attività che saranno svolte nell'ex-globo.

Il workshop è stato anche l'occasione per illustrare e discutere alcuni elementi della procedura di evidenza pubblica recentemente avviata per la selezione del soggetto affidatario degli spazi.