Da allora sono partiti i procedimenti per l’acquisizione di circa una ventina di aree ricomprese nel

Patrimonio, formalizzata l'acquisizione di ulteriori aree della lottizzazione abusiva di via Feleto

8 Gennaio 2019
Il Comune di Rimini formalizza l’acquisizione gratuita al proprio patrimonio di quattro aree che ricadono nella lottizzazione abusiva di via Feleto. Una vicenda che parte trent’anni fa, nel 1988, su cui negli anni si sono susseguiti ricorsi e contenziosi al TAR e al Consiglio di Stato, definiti nel 2007.

Da allora sono partiti i procedimenti per l’acquisizione di circa una ventina di aree ricomprese nella lottizzazione di "Via Feleto".  Con quattro recenti determine dirigenziali il Settore Patrimonio del Comune di Rimini ha avviato l’iter di formalizzazione dell’acquisizione di altrettante aree della lottizzazione, nell'ambito di quella che è stata definita la “terza fase” di questo articolato percorso. Queste determine infatti fanno seguito ai procedimenti attivati prima per le aree prive di manufatti e, in un secondo momento, per quelle edificate con manufatti abusivi. Le aree interessate dalle determinazioni dirigenziali in oggetto sono, infatti, edificate con fabbricati che sono muniti di titolo in sanatoria edilizia; titoli però decaduti per effetto del provvedimento di sospensione della lottizzazione abusiva. 

Le determinazioni dirigenziali del Settore Patrimonio sono preordinate alla immissione in possesso delle aree (per un’estensione di oltre 2.500 mq) ed alla demolizione dei manufatti, secondo quanto già preannunciato ai destinatari con apposita comunicazione dell'Ufficio Controlli Edilizi.