Sono i fondi previsti dal Collegato ambientale approvato con 35 milioni di euro dal Governo nel dice

Collegato ambientale: un milione di euro in arrivo dallo Stato per lo sviluppo della mobilità sostenibile su via Coriano e nel Centro Studi

18 Novembre 2017
La conferma è arrivata e il Comune di Rimini potrà realmente contare su quasi un milione di finanziamenti per realizzare le opere che costituiranno un elemento sostanziale per ristabilire la “continuità ciclabile e pedonale” della parte sud della città e il forese con il centro storico.
  • sicuri in bici
  • sicuri in bici
  • sicuri in bici
  • sicuri in bici

Sono i fondi previsti dal Collegato ambientale approvato con 35 milioni di euro dal Governo nel dicembre 2015, divenuto operativo nel luglio successivo e reso attuattivo dal decreto ministeriale dell’ottobre scorso con cui i progetti inclusi nella fase attuativa diventano immediatamente finanziabili. Ciò permetterà l’avvio delle procedure per la realizzazione delle opere infrastrutturali previste il cui costo complessivo ammonta a 1.649.000 euro, di cui 989.176 finanziati dallo Stato e 659.824 già previsti nel bilancio 2018 del Comune.

“Risorse importanti - ha commentato l’assessore alla mobilità Roberta Frisoni – che ci permetteranno la realizzazione di opere importanti per lo sviluppo della mobilità sostenibile su parti strategiche della nostra città e accelerare su quell’opera di cambiamento su cui stiamo lavorando.”

E’ un progetto partecipato pubblico-privato quello con cui il Comune di Rimini ha partecipato  al Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa – scuola e casa – lavoro bandito dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

“Sicuri in bici e collegati alla città” è un progetto che è stato costruito ascoltando le esigenze dei potenziali fruitori e che, accanto ad interventi infrastrutturali, prevede una serie di misure volte ad innescare la svolta culturale necessaria a supportare un cambiamento duraturo nelle abitudini di spostamento dei cittadini presenti e futuri con azioni mirate e continuative nel tempo. Nel merito e nel metodo un’anticipazione, un vero e proprio ‘pilot’ per la redazione e implementazione del PUMS, il Piano urbano per la mobilità sostenibile, su più vasta scala.

Gli interventi strutturali previsti, tutti fortemente integrati tra loro, sono quattro con cui si prevede d’abbattere di oltre 600 tonCO2eq all’anno le emissioni clima - alteranti.

Quattro interventi diretti a incentivare la mobilità sostenibile il cui principale, per ruolo strategico e importo, è quello della realizzazione del percorso ciclopedonale protetto che collegherà, lungo 2,2 chilometri sulla via Coriano, Villaggio San Martino alla Statale 16. Ad esso si affianca l’adeguamento funzionale della mobilità ciclabile lungo la via Flaminia e via XX Settembre dal centro Studi al Centro Storico.

E’ in questo quadrante di città, dove oltre al Centro Studi delle scuole secondarie superiori si concentrano l'intero plesso ospedaliero e una ricca di attività commerciali e produttive, che il progetto individua una serie di azioni a diverse scale d’intervento. Ed è qui che nasceranno due “Zone 30” contigue all’arteria della via Flaminia: la Zona 30 Centro Studi e Zona 30 tra via Flaminia Conca, SS16 e via Flaminia.

Ma il progetto prevede anche interventi volti a generare un cambiamento duraturo nelle abitudini di spostamento di lavoratori, studenti e cittadini attraverso una serie d’azioni materiali, come l’aumento delle stazioni di Bike sharing, di Piedibus e Bicibus, ma anche culturali. Per questo parte integrante del progetto è l’informazione e il coinvolgimento attivo degli utenti tramite specifiche attività da realizzarsi col supporto del Piano Strategico di Rimini e la collaborazione di un insieme di istituti, aziende e associazioni che hanno risposto numerosi ad una specifica manifestazione di interesse lanciata nel mese di dicembre dall’amministrazione comunale. Grande attenzione sarà posta alle scuole primarie e secondarie, alcune tra l’altro già coinvolte in progetti sperimentali sulla mobilità sostenibile, come nel caso della scuola elementare di Villaggio I Maggio.

 

In particolare i progetti infrastrutturali prevedono:

 

Adeguamento funzionale della mobilità ciclabile lungo la via Flaminia e via XX Settembre dal centro Studi al Centro Storico.

Lungo via XX Settembre si prevede (costo previsto 400.000 euro) la rifunzionalizzazione dell’asse ciclabile Arco d'Augusto - via Tripoli e la sostituzione delle due attuali corsie carrabili con un’unica corsia a senso unico per i mezzi carrabili e una corsia con pista ciclabile bidirezionale in sede propria. Il marciapiede lato mare sarà allargato aumentando la fruibilità pedonale e accrescendo la valenza del Borgo San Giovanni come naturale estensione del centro storico. Sul tratto di Via Flaminia da via Tripoli all'ospedale verrà ridotta l'ampia sede stradale, senza penalizzare flussi e sensi di marcia esistenti, e realizzata una pista ciclabile bidirezionale in sede propria. Verrà inoltre migliorato l’attraversamento trasversale della via Flaminia, potenziando e mettendo in sicurezza gli attraversamenti pedonali e ciclopedonali e ripensando le fermate del TPL.

Percorso ciclopedonale protetto Villaggio San Martino - Statale 16

La nuova pista ciclopedonale in sede propria (costo previsto 1.000.000 di euro) verrà realizzata a fianco della strada esistente nel tratto che va dalla statale 16 fino a Villaggio San Martino, in cui risiedono circa 200 famiglie. Oltre alla popolazione residente, la nuova infrastruttura avrà una notevole importanza anche per la molteplicità di attività industriali ed esercizi pubblici che si trovano lungo il tragitto in cui lavora un numero notevole di dipendenti. Oltre a costituire il connubio ideale tra tempo libero e spostamenti lavorativi, il nuovo percorso avrà la funzione di unire su sede protetta il nucleo residenziale con la scuola elementare di Villaggio 1° Maggio.

La Zona 30 Centro Studi sarà realizzata sull'area su cui insiste il plesso scolastico della Colonnella, caratterizzata da flussi di traffico fortemente eterogenei con picchi di congestione in rapporto con gli orari delle lezioni. Con l’attuazione di una “Zona 30” si estenderà a tutta l'area il limite di 30 km/h per tutti i mezzi di trasporto, realizzando attraversamenti rialzati e ingressi segnalati e protetti consentendo con l’abbassamento della velocità di tutti i mezzi a motore, l’aumento della sicurezza della strada e la diminuzione delle quantità di emissioni.

La Zona 30 tra via Flaminia Conca, SS16 e via Flaminia: anche per questa area, caratterizzata oltre che da residenziali da un insieme di funzioni del settore terziario e  infrastrutture pubbliche, si adotteranno le soluzioni strutturali adatte a facilitare e rendere più sicuri gli spostamenti a piedi e in bicicletta consentendo il collegamento tra l'asse ciclabile di via Flaminia e la pista ciclopedonale che sarà realizzata in via Coriano, mentre l'attraversamento della SS16 sarà garantito da un sottopassaggio ciclopedonale già previsto che consentirà a ciclisti e pedoni di superare la barriera fisica della statale in sicurezza.