Torna il Bonus Teleriscaldamento per le famiglie riminesi in difficoltà.

Bonus sociale per il Teleriscaldamento o GPL zone non metanizzate per consumi anno 2017

1 Febbraio 2019
Bonus sociale per il Teleriscaldamento o GPL zone non metanizzate per consumi anno 2017

Risultati immagini per bonus teleriscaldamento

 

Torna il Bonus Teleriscaldamento per le famiglie riminesi in difficoltà. La Giunta del Comune di Rimini ha infatti approvato, anche per i consumi dell’anno 2017, un sostegno economico ai cittadini residenti allacciati alle reti di teleriscaldamento o utilizzatori d’impianti termici alimentati a GPL delle zone non metanizzate del Comune di Rimini.

Si tratta della misura di sostegno che propone un regime di compensazione della spesa sostenuta per la fornitura di gas naturale a favore delle famiglie meno abbienti e numerose.

I criteri per usufruire dei contributi      

L’accesso alle misure di sostegno sono riservate ai nuclei familiari con  certificazione ISEE "2019"  inferiore a 8.107,50 euro o inferiore a 20.000 euro nel caso di nuclei con più di 3 figli. In particolare, per i consumi effettuati nel corso del 2017, l'importo massimo del contributo sarà pari a 146 euro per i nuclei familiari fino a 4 componenti, e potrà salire fino a 207 euro per i nuclei familiari oltre i 4 componenti.

Come fare domanda

Le domande si potranno presentare a partire da lunedì 28 gennaio 2019 fino a venerdì 15 marzo 2019, all’Ufficio Bandi e ISEE del Comune di Rimini in via Ducale  n.7 (2^ piano 0541 704689 ) dal lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 08:30 alle ore 12:30, martedì e giovedì dalle ore 08:30 alle 12:30 e dalle ore 15:00 alle 17:00.

Cosa occorre: 

1) Certificazione ISEE 2019 rilasciata ai sensi D.Lgs. n. 159/2013 e sue successive modificazioni ed integrazioni. La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) potrà essere compilata presso un qualunque Centro Autorizzato di Assistenza Fiscale (C.A.A.F);

2) una bolletta del Teleriscaldamento o la documentazione di riepilogo della spesa in caso di utenze condominiali per acqua calda, dalle quali risultino l’identificativo del codice utente e del contratto, oppure le fatture per la fornitura di GPL per gli anni di
cui si chiede il contributo;

3) documento di identità del richiedente intestatario della bolletta/fattura o, nel caso di presentazione tramite delega, del documento di riconoscimento del delegato.